Vincenzo Cabianca

Verona 1827 - Roma 1902

Biografia:

Nato a Verona il 21 aprile del 1827, morto a Roma il 31 marzo 1902. Di origine modestissima, fu attratto dalla pittura, e, abbandonati gli studi al Seminario, s'iscrisse all'Accademia Cignaroli di Verona, dove insegnava Giovanni Cagliari, poi passò a quella di Venezia. In un primo tempo fu pittore accademico, poi macchiaiuolo: indi studiò a Milano risentendo dell'influenza di Domenico Induno. Profugo politico nel 1853 a Firenze, entrò in contatto col Signorini. Dal 1856 al 1861 soggiornò a Viareggio, in quell'anno si trasferì a La Spezia col Banti e col Signorini, poi a Parma (1864), quindi a Roma (1868) ove divenne amico del Costa. Nel 1882 fu a Parigi ed a Londra. Nel 1893, colpito da paralisi, cessò di dipingere. Negli ultimi tempi si diede molto all'acquerello che gli riusciva più congeniale per rendere la luminosità dei muri bianchi e delle scene di convento (che preferiva) ai quali aggiunse anche le marine. Fra i suoi lavori ricordiamo: "Goldoni giovinetto"; "Sulla barca dei commedianti", dipinto secondo la vecchia maniera; "Autoritratto"; "Gran boleta!", proprietà signor Fainelli di Verona; "L'abbandonata", in una raccolta privata a Milano; "Donna con un porco contro il sole", piccola tela che segnò una grande conquista nel mondo dell'arte per gli effetti di piena luce e di violenti contrasti; "Le monachine"; "La Partenza della paranza" (collezione Clausetti); "Bagno tra gli scogli"; "Foro d’Ischia", proprietà comm. Montani di Roma; "C'era una volta una chiesina in riva al mare", proprietà dell'ambasciata cecoslovacca, Roma; "Vita tranquilla", nel Museo Civico di Verona; "Nettuno"; "Effetto di sole" e "Nuvola temporalesca", nella Galleria d'Arte Moderna di Firenze; "Cigni", proprietà del signor Carlo Ferrari di Roma; "Castiglioncello" e "Arco di Portovenere", proprietà del cav. Luigi Santagostino di Milano; "La neve in Ciociaria" e "Sul far del giorno", nella Galleria d'Arte Moderna di Roma; "Donna alla finestra", in quella di Torino; "Ritorno dai campi", nella collezione Angiolini di Livorno; "La neve a Venezia", esposto a Londra; "Il fait sa cour", pure esposto a Londra con gran successo nel 1883. Partecipò in patria a moltissime esposizioni, e all'estero a quelle di Londra, Glasgow, Edimburgo, Amsterdam, Saint Louis, Parigi, Monaco, ecc. Non ebbe molta fortuna a causa della sua modestia; una mostra retrospettiva delle sue tele fu ordinata, a Verona, nel marzo del 1927.

Vincenzo Cabianca

Contattaci tramite email, telefono o whatsapp


Sarai contattato al più presto e otterrai la valutazione gratuita desiderata.

Fotografa il tuo dipinto e inviaci le foto via email o whatsapp per una valutazione gratuita.
Possibilmente scatta più di una fotografia (sono utili per una stima più corretta qualche foto dei particolari, firma, iscrizioni e il retro del dipinto)

Ti risponderemo il più velocemente possibile!


Telefono +39.06.97606127


E-mail info@valutazionedipintiantichi.it


Cellulare/Whatsapp +39.328.315.19.53

Puoi decidere di VENDERE il tuo dipinto e riceverai il pagamento immediatamente.

In questo modo otterrai:

1) Assistenza nella vendita dalla stima al pagamento

2) Annullate le incertezze dell'operazione (risposte anche in 24 ore!)

3) Un pagamento RAPIDO e SICURO